Rivoluzioni copernicane cercansi

Ho sempre ritenuto che l’uso del pensiero dovesse essere portato fino in fondo, cioè fino alla “rivoluzione copernicana”. Finché si pensa dentro l’orizzonte dato più che altro si rimastica pensiero d’altri. Se tu stai alle regole del gioco del tuo avversario, per forza alla fine perdi; occorre “rovesciare il tavolo”. Questo, negli anni d’oro, è stato chiamato in termini più dotti rottura epistemologica o cambio di paradigma. Effettuare questo salto significa non solo risolvere un singolo problema che altrimenti era insolubile, ma vuol dire ricostruire l’intero campo da una nuova prospettiva. Cambiare gioco.
Aggiungo subito: facile a dirsi, però… Però non solo ‒ come vado subito a mostrare ‒ la riconfigurazione è complicata, ma per di più il campo non vede l’ora di recuperare le sue conformazioni abituali (chiamiamolo senso comune). Non esistono purtroppo punti-di-non ritorno, ma alle aperture seguono le richiusure. Così è avvenuto nel campo letterario dopo lo scossone degli anni Sessanta del Novecento. Non solo si è tornati al prima, ma ad un nuovo prima tale che sia impossibile ripetere quello che allora è stato possibile… Continua a leggere Rivoluzioni copernicane cercansi

Un intervento di Antonio Amendola: la voce nella pandemia

Antonio Amendola dedica a “Critica integrale” un nuovo intervento, di nuovo sul tema della voce, a lui caro in quanto poeta sonoro. La vitalità della voce rivendicata anche in tempi di distanziamento sanitario.

LA VOCE NELLA PANDEMIA

Una pandemia si caratterizza per la direzionalità dell’evento, la percorrenza lo stesso avviene, per il fare voce, però in questo caso viene svilita e offesa in quanto essendo legata al respiro, il fiato, la parola, il canto non ha più possibilità di esprimersi liberamente, anche una mascherina che ci protegge crea un’inevitabile interferenza, perché la voce si ascolta e si vede e si guarda nello spazio, la mascherina crea un ostacolo alla visione dei materiali pre-verbali che sono costituiti di gesto e suono (riso, pianto, sbadiglio eccetera), tutto questo accade, durante questo tempo, dominato dalla paura, dalla mancanza di libertà e dal controllo mentre invece la voce, esprime essenzialmente energia e liberazione. Continua a leggere Un intervento di Antonio Amendola: la voce nella pandemia

Tutto su Ottonieri

La giovane studiosa Giovanna Lo Monaco, già segnalata su “Critica integrale” per il suo libro sul teatro della neoavanguardia, ha pubblicato ora, per le edizioni ETS, un lavoro critico dedicato a Tommaso Ottonieri; titolo: Tommaso Ottonieri. L’arte plastica della parola. È una monografia completa, ovviamente provvisoria in quanto l’autore è in piena attività, fornita di una bibliografia ampia e dettagliata sia delle opere che dei contributi su di esse, che offre perciò un ritratto a tutto tondo di un autore che si conferma come una delle figure più rappresentative, in verso e in prosa, del panorama contemporaneo, di quello che resta della letteratura al di là della produzione stagionale per il mercato e del dilettantismo fecebookkista. Continua a leggere Tutto su Ottonieri

Seminario su Il pasticciaccio di Gadda

I seminari della LUNA continuano ad esplorare i territori del “romanzo anomalo”. Questa volta è toccato a Carlo Emilio Gadda e al suo testo Quer pasticciaccio brutto de via Merulana normalmente nominato, per farla breve, Il pasticciaccio. L’operazione narrativa gaddiana, a prima vista, appare abbastanza normale, possiede un’ambientazione storica ed è costruita come un romanzo giallo con relativo detective. Tuttavia, basta aprire una pagina a caso per rendersi conto di quanto sia anomalo il linguaggio, che parte per la tangente con una mescolanza di lingua e dialetti, una sovrapproduzione lessicale, e acrobatiche costruzioni sintattiche e sonore.
Il seminario è disponibile in registrazione per chi volesse seguire la presentazione e il dibattito:

Continua a leggere Seminario su Il pasticciaccio di Gadda

Un aforisma di Franco Falasca

Franco Falasca continua nella sua produzione di aforismi radicalmente paradossali. Questo lo regala ai lettori di “Critica integrale”:

Ci si relaziona a quella confusa e invisibile nuvola di idee che il sociologo dice che è la “realtà di oggi”, lo psichiatra dice che è un “disturbo della personalità”, il professore di liceo dice che è “la nostra civiltà”, il cristiano dice che è il “peccato”, il giornalista dice che è “l’opinione pubblica”, il politico dice che è “ciò che risulta dai sondaggi”, l’economista dice che è “il mercato”, la casalinga dice che “sono i prezzi che salgono ogni giorno”, il politico lungimirante dice che è “colpa dell’Europa”, il ragazzo dice che sono i “social”, il nostalgico dice che sono “i sentimenti che non sono più quelli di una volta”, Gadamer dice, chiamandola ermeneutica, che quella è la “verità”.

28/03/2021

“Poesia carnosa” in edizione muta

“Poesia carnosa”, il minifestival di poesia sonora curato da Jonida Prifti e Stefano di Trapani, che ha avuto inizio nel 2010, si svolgerà nella data del 4 aprile alle ore 21.00.
A causa della pandemia il festival, come tante altre manifestazioni culturali, si terrà online, ma ha inteso rilevare la situazione restrittiva in cui versa la cultura in un modo esibito dalla forma stessa del suo svolgimento: infatti l’edizione di quest’anno è stata contrassegnata dalla lettera “M”; e cosa significa “M”? M come Muta. Ecco, la scelta del “mutismo” con cui sono tenuti a esprimersi  i performers intende essere una risposta polemica che restituisce  la riduzione al silenzio contro il potere normativo, rappresentandola nei vari modi di ciascun artista. Continua a leggere “Poesia carnosa” in edizione muta