Tre accorgimenti per evitare la confusione

Fare attenzione alla parola “poesia”. Come niente quella parola si impanca con una iniziale maiuscola. Pensavate di pronunciarla in senso neutro, puramente tecnico (come versificazione, ovvero testo che va a capo) e invece no, viene recepita ormai in senso sostanziale, le antenne si tendono a captare il moto del sentimento, l’espressione intima, la lingua dell’anima, la purezza eterea e via sensocomuneggiando. Quante volte lo si sente dire? La poesia è un dono, ha a che fare con la grazia, con l’incantesimo, richiede un ascolto devoto per cogliere le sue sfumature, una ricezione nel raccoglimento e altre enunciazioni quasi tutte di sapore parareligioso.
Di fatto, la poesia è emarginata nel regno della comunicazione globale, è homeless senza casa (editrice), ma quella che resta in attività fattasi privata è essenzialmente del privato che finisce ad occuparsi, proprio del proprio privato – e si declina quindi consolatoria e compensativa. È l’“aura fritta”, come dice con calembour felice Felice Accame.

Non t’accorgi, ma solo a pronunciare la parola “poesia” sei subito risucchiato nel regno dello spirito, illusoriamente contrapposto a quello del capitale, sebbene lui, il capitale, si sia a sua volta spiritualizzato. Per precauzione, sarebbe opportuno aggiungere, prego, almeno una minima specifica; va bene che avanguardia è troppo impegnativo, che sperimentalismo sembra eccessivamente meccanico, si trovi un’altra forma, qualsiasi cosa, ma non si lasci mai la parola poesia da sola senza l’accompagno di un attributo che la definisca e la scinda; altrimenti fa danni, perché, per quanto vi sforziate di scrivere in modo abnorme e deviante, nell’insieme confuso uniforme, in quanto “poeti”, sarete sempre riassorbiti nel novero di un discorso da predisporsi a riceverlo con il passepartout dell’emozione – e buonanotte.
Come rimedio, si può seguire l’indicazione di Marco Giovenale e cominciare a discutere sulla “ricerca”, come si è fatto nella riunione Esiste la ricerca? (allo Studio Campo Boario, il 16/06/2022). In questo caso, in via cautelare, il termine “poesia” era stato prudentemente taciuto, almeno nel titolo). Si veda il sito dello stesso Giovenale, Slowforward, per seguire l’andamento di un dibattito che si spera continui proficuamente.
Intanto, un minimo consiglio: tre accorgimenti per evitare la confusione.
1) Radicalità. Se vi sembrano naturali certe disposizioni, fatene a meno, andate al fondo e rovesciate lo standard, cercate se non il nuovo (che quello ormai nasce già vecchio nel periodico rinnovarsi della moda), ciò che incide, indispone, sconcerta. Sorpresa e straniamento siano le linee conduttrici della “ricerca”, che non s’acquieti e non s’inquadri in risultati prevedibili, come una semplice comparsa nel ventaglio dei prodotti possibili.
2) Auto-antitesi. È l’indispensabile contraltare della libera creatività. La creatività non è mai libera, senso comune e ideologia sono precisamente le prime cose che vengono in mente. Servono contraccolpi, il testo deve lottare con se stesso. Rebora scrisse giustamente: “è in odio alla poesia che ho poetato”. L’auto-antitesi è la molla di una sicura dinamica del testo, l’assillo che non gli fa dormire sonni tranquilli, la voce dialogizzante che lo rende conflittualmente vivo.
3) Intransigenza. Se la radicalità va raggiunta e non è mai certa altro che a posteriori, se l’auto-antitesi porta un po’ di sofferenza perché decostruisce ogni identità, l’intransigenza è la cosa più difficile. Non crediate, confesso che anch’io ho avuto i miei momenti, troppi, di indulgenza. Perché l’intransigenza costa: fa respingere gli inviti, rompe i rapporti di amicizia, conduce all’isolamento. Se la teoria la proclama necessaria, in pratica – oggi come oggi – è impossibile. Ma si può provare ad alzare poco poco l’asticella, senza pretendere di raggiungere il massimo. Propongo questo atteggiamento: quando ti invitano a una lettura di “poesia”, chiedi almeno di avere una sezione per la “poesia + x”, o se non altro una precisa indicazione di provenienza da “territorio non contaminato”. Cominciare con poco: nel frattempo tocca alla critica lavorare a sfaldare quel significato sostanziale di “poesia” e di “poetico”, ricondurlo alla tecnica e alle differenze di tendenza delle diverse tecniche versificatorie, anche diametralmente opposte. E torniamo all’inizio, alla divisione polemica del settore: insomma, alla tendenza alternativa.

29/06/2022

2 pensieri riguardo “Tre accorgimenti per evitare la confusione”

  1. Caro Francesco, quello che scrivi è come sempre condivisibile nelle sue linee generali. Di poesia (inutile, ovvia, convenzionale) si rischia oggi di morire. E ben vengano i tuoi consigli di adottare radicalità, auto-antitesi, intransigenza, che sottoscrivo in pieno.
    Devo tuttavia notare che la poesia va anche sempre letta con un atteggiamento di libertà interpretativa che non può non ricondursi alla logica della “apertura”. Il che significa “mettersi in ascolto” senza (più o meno consapevoli) criticismi categoriali. Altrimenti si rischia, pur con tutti i più raffinati strumenti ermeneutici a disposizione, di tecnicizzarla unidirezionalmente perdendone il polisemico valore profondo, quando ci sia.
    Un cordiale saluto
    Roberto Pasini

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.