Un contributo di Nino Contiliano: “β<h2”

In questo sito personale accolgo volentieri i contributi di amici e viciniori. Inizio con questo saggio di Nino Contiliano, un eccellente poeta (per saperne di più rimando a Francesca Medaglia, Asimmetrie ibride, CFR edizioni, che ha al suo interno una significativa antologia). Negli ultimi tempi, Contiliano ha prodotto, su riviste cartacee e in rete, tutta una serie di interventi teorici che trattano di una possibile via alternativa della scrittura. Spero vengano presto raccolti in volume; sarebbe un importante stimolo al dibattito.

 “β<h2

una formula estetica come antidoto contro le anestetizzazioni emotivo-empatetiche

 

La lingua dell’arte e della poesia, scrive Jurij M.  Lotman (La struttura del testo poetico, 1976), essendo una “parola” complessa come una gerarchia di matriosche, è, come la ridotta superficie di un cervello elettronico, un mezzo economico e utile sia per conservare che per far circolare molta informazione, mentre al contempo salvaguarda un certo punto di vista intellettuale e critico. Continua a leggere Un contributo di Nino Contiliano: “β<h2”

Coerenza, camerati!

Che diamine! Cantavate “Faccetta nera sarai romana“; e adesso quando vedete faccette nere in giro per Roma, entrate in collera, attribuite loro l’origine di tutti i mali, vorreste batterle, annientarle, rimpatriarle. Ma come? Cantavate addirittura “La tua bandiera sarà sol quella italiana“…
E allora, come la mettiamo? Un po’ più di coerenza, camerati!

LEZIONE GOZZANO

È in linea su Youtube una nuova lezione sulla poesia di inizio Novecento, trovate il link nella sezione “Appello straordinario”, qui sotto a destra. Si parla di Gozzano e dei suoi testi più conosciuti, ma soprattutto di uno meno noto e non rientrato nelle raccolte, scritto negli ultimi tempi, a ridosso del viaggio in India. S’intitola Ketty. Qui – non meno che con Carlotta, con Graziella e con Felicita – l’ironia di Gozzano (il “sogghigno”, come lui diceva) va alla grande e si confronta con la globalità del turismo e, nella figura della protagonista, con l’invadenza dell’incultura americana. Davvero profetico!

Continua a leggere LEZIONE GOZZANO

Stanotte tutto è lecito

LA CADUTA DEL “MURO” IN UNA PAGINA DI MAURO PONZI

Nell’anniversario della caduta del “muro di Berlino”, riporto la pagina scritta da Mauro Ponzi nella parte finale del suo romanzo Sociologia del paradiso. È un modo per ricordare Mauro a un mese dalla sua scomparsa, in attesa di altre iniziative in preparazione che trattino della sua opera di saggista, germanista, narratore e poeta.

Continua a leggere Stanotte tutto è lecito

Perché combatto gli spazi tra i paragrafi

Sono molto contento di come sta andando il sito e ne sono grato particolarmente al mio “webmaster” (si dice così?) Michele Fianco, che tengo a ringraziare pubblicamente. Senza di lui non ci sarei riuscito ‒ per forza, sono nato con la macchina da scrivere e il correttore di bozze, cresciuto in un’epoca in cui il telefono a gettone pareva una diavoleria tecnologica… Ma devo dire che, nella preparazione del sito, tra le tante cose nuove che ho dovuto imparare a fare, la più difficile per me, alle somme, è stato eliminare gli spazi tra i paragrafi.
Continua a leggere Perché combatto gli spazi tra i paragrafi

Brecht, Me-ti

Che ci sia un certo “ritorno a Brecht” è attestato da vari sintomi, non solo dalle riprese teatrali, ma anche dalle occasioni di riflessioni critiche come il convegno molto qualificato tenutosi lo scorso giugno a Roma. Ora, una ottima edizione de L’orma, ripropone il Me-ti. Libro delle svolte, ormai introvabile nella vecchia edizione Einaudi, conservando in gran parte la traduzione di Cesare Cases, ma mettendo a punto il testo sull’ultima edizione tedesca, con ordinamento rivisto, brani inediti e aggiunta di apparati conclusivi. Continua a leggere Brecht, Me-ti